Il sindaco per danneggiare l'opposizione vìola leggi e Costituzione

comune-piazzaL'ordinanza emessa dal Tar, che accoglie come fondate le motivazioni addotte dal Partito Democratico, traduce in modo straordinariamente chiaro e diretto, il senso di molte azioni amministrative del sindaco in carica: ovvero il suo porsi spesso, non solo fuori e al di sopra della legge, ma addirittura in palese violazione di principi sanciti dalla nostra carta costituzionale.

Laddove il Tar afferma che: "deve ritenersi certamente prevalente l'esigenza di sostenere lo svolgimento di manifestazione di interesse culturale sociale e politico in quanto strettamente connessa con l'esercizio del diritto di associazione costituzionalmente garantito", dice in sostanza che l'amministrazione di Padova non solo ha violato la legge ordinaria, ma si è posta fuori della cornice che regola la vita della nostra comunità nazionale.

Non si tratta dunque solo di una scelta arbitraria, priva degli indispensabili criteri di imparzialità e ragionevolezza, che dovrebbero guidare le decisioni di chi si trova a capo di una città in regime democratico, ma anche di una scelta che presuppone un manifesto eccesso o addirittura abuso di potere che non può non essere sanzionato anche in sedi diverse da quella amministrativa.

Non è un caso che questa decisione (come testimoniato da fonti giornalistiche che avevano appreso la notizia prima ancora che il provvedimento fosse firmato) sia stata assunta in sede politica e successivamente fatta controfirmare a funzionario compiacente.

L'ordinanza del Tribunale Amministrativo Regionale afferma anche che la delibera assunta dalla Giunta da me presieduta, nella quale è stato approvato il regolamento comunale, aveva finalità che il Tar considera legittime e che, dunque, l'attuale decisione del Comune si pone "fuori dei presupposti soggettivi e oggettivi".

In sostanza, si può dire che l'amministrazione in carica, come non era mai avvenuto in precedenza, agisce come se l'istituzione fosse un soggetto privato di cui disporre a piacimento per favorire i "propri" e danneggiare gli "altri". Ne sono testimonianza non solo i continui atti su cui il giudice amministrativo è chiamato ad intervenire per ripristinare la legge, ma anche e soprattutto le continue denunce nei confronti di cittadini e di soggetti politici, rei di non pensarla come il sindaco.

Il tutto, ovviamente, con spese a carico del Comune.

L'ordinanza di oggi, affermando che siamo fuori del dettato costituzionale, ci dice che probabilmente anche altre magistrature potrebbero essere interessate a prendere in esame le violazioni e gli abusi, oltre che gli eventuali danni erariali prodotti.

Ivo Rossi

Padova 23 gennaio 2015

e-max.it: your social media marketing partner

Seguimi su Facebook

IN EVIDENZA

Dialogo sopra centri commerciali travest…

Ivo Rossi - avatar Ivo Rossi

Caro Paolo, a leggere il dibattito di questi giorni su stadio e centri commerciali sembra di assistere ad un film già visto molte volte, con attori ringalluzziti che recitano copioni...

Galileo, chi era costui? Nuovo Ospedale …

Ivo Rossi - avatar Ivo Rossi

di Ivo Rossi, Claudio Sinigaglia, Gianni Berno Sulla stucchevole telenovela del nuovo ospedale le parole si sono sprecate e immaginiamo che per il cittadino medio siano diventate un insopportabile rumore...

L’ammaina bandiera della borghesia padov…

Ivo Rossi - avatar Ivo Rossi

I volti imbarazzati e il disagio dei presenti qualche giorno fa alla cerimonia dell’alzabandiera alla caserma Salomone, con sindaco e prefetto che non incrociano nemmeno lo sguardo, restituiscono la misura...

Il sito web usa i cosiddetti cookie per migliorare l’esperienza dell’utente. Fino a che non si sarà premuto il tasto - Accetto i cookies - nessun cookies sarà caricato.

Leggi l'informativa sull'utilizzo dei cookies

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookies. Potrai cambiare la tua decisione in seguito.

Hai accettato l'utilizzo dei cookies. Potrai cambiare la tua decisione in seguito.