Palazzine con vista su Giotto. Cosa direbbe Dario Fo?

Se l’amico Mario Liccardo e l’Associazione La Specola delle idee, notoriamente attenti ed equilibrati nelle loro uscite pubbliche, si sono sentiti in dovere di sollevare il problema relativo al futuro urbanistico delle palazzine di piazzale Boschetti, parlando addirittura di “operazione speculativa, penalizzante per il centro storico”, IMG 3076può significare solo una cosa: l’adesione e il sostegno ad una amministrazione amica trovano un limite insuperabile nelle decisioni che lasciano troppi margini di dubbio.  
E nel caso dello scambio fra aree in via Canestrini e le palazzine del Boschetti, secondo l’associazione, sarebbero molte le elargizioni ai privati, in primo luogo un garage interrato con riduzione di una corsia della trafficatissima via Trieste, la realizzazione di un nuovo fabbricato e la concessioni di destinazioni urbanistiche decisamente troppo sbilanciate verso il privato.

Il tutto per un controvalore della permuta che necessiterebbe di una più rigorosa valutazione, senza contare che la previsione di micro interventi, con i proventi della quota parte spettante al Comune, mostrerebbe una debolezza progettuale.
Posta in questi termini, penso che sicuramente l’amministrazione sarà in grado di apportare le eventuali dovute correzioni, o di fornire le necessarie garanzie. Anche per “rispetto” verso quegli autorevoli protagonisti della vita pubblica di ieri e di oggi, che sette anni fa paventavano pericoli inesistenti per la stessa sopravvivenza della Cappella degli Scrovegni. Allora il presunto pericolo sarebbe stata un’opera pubblica quale l’auditorium progettato dall’architetto Kada, ora si tratta di un modesto parcheggio interrato (a meno 5 metri) a servizio del privato. Chissà cosa direbbe oggi Dario Fo, chiamato allora a tutelare Giotto, che pur in pericolo non era. 
Rimane sempre un dubbio: chi è l’assessore all’urbanistica?

Timeline Tweet di Ivo Rossi

Chi sono

Sono nato il 18 marzo 1955 a Padova dove vivo con mia moglie Franca. Sono laureato in Scienze Politiche con voto 110 su 110 e lode, con una tesi sugli istituti di democrazia diretta.

Sono dirigente della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie dove mi occupo di autonomie speciali e del negoziato per l’attuazione dell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione, in materia di autonomia differenziata delle regioni a statuto ordinario. Faccio parte della Commissione Tecnica per i fabbisogni standard di comuni e regioni e della segreteria tecnica della Comitato per la Banda ultra larga. 

Leggi tutto...

Timeline Tweet di Ivo Rossi